domenica 29 marzo 2015

[Running] Lungo lento interrotto

0 commenti
Il terzo mese di preparazione per la 100Km del passatore si è chiuso oggi. Devo dire che la scorsa settimana con un lungo da quasi 5h - 46Km ( vedi 2015.03.22 Run - Lungo (=lunghetto) collinare ) ero veramente soddisfatto. Oggi invece qualcosa è andato storto e l'umore non è dei migliori.




Ero partito con le migliori intenzioni per fare le mie 4h in programma, ma nulla da fare! Dopo quasi 2h ho cominciato a sentire difficoltà a stare sulle gambe e così ho deciso per la soluzione "drastica" di rientrare senza fare il super eroe della domenica mattina!

So che ieri ho chiesto parecchio alle mie gambe ed al mio fisico ed infatti un "solco" era rimasto dentro. Non è una scusa, ma è una probabile motivazione per oggi. Intanto il chilometraggio mensile ad oggi si aggira circa sui 340km a piedi ed ancora manca un allenamento credo in assoluto il mio massimo raggiunto.

Ha "vinto l'allenamento" ed io ho "alzato bandiera bianca" ... ormai è andata ... farò tesoro di questa esperienza per la prossima volta ... quale altra occasione per conoscersi meglio di quando le cose non vanno?

Al passatore manca sempre meno ed Aprile sarà un mese molto interessante da vivere e da valutare. Ora non mi resta che rilassarmi del tutto e cercare di riposare il più possibile.

ps1 -> quel cartello della salita al 30% non è stato bello da vedere

ps2 -> quando un signore anziano ti chiede "sei sicuro di volere saliire da qua?" invece di rispondere "si si ... perchè non dovrei?" comincia a riflettere ... perchè scoprire dopo come sale la strada e recitare più "preghiere" in quello strappo (attorno al km 10/11) che in tutta la tua intera vita  non è la soluzione in una giornata dove non senti apposto le gambe!

martedì 3 marzo 2015

[Running] Treviso Marathon 1.2

0 commenti
Premesse: La Treviso Marathon 1.2 è stata una Maratona totalmente diversa da quella che era in programma. Sotto la guida di Enrico Vedilei l'avevo preparata veramente bene ed ero pronto a tentare l'attacco al personale e di conseguenza il secondo "Under the Wall" della mia carriera podistica.

Purtroppo la settimana prima mi sono infortunato pesantemente e le premesse erano delle più nere: DOVERMI FERMARE! Uno stop che mi avrebbe fatto parecchio male, non tanto per saltare la gara domenica. Temevo di mandare a rane la preparazione del passatore.

Fortunatamente con le giuste terapie sono riuscito a riprendere a correre e farla a ritmo lento. Era la sola condizione che mi avevano "imposto" per darmi il benestare a farla.

 In ogni caso a Treviso sarei andato ugualmente perchè alla fine la Maratona non è solo corsa, ma anche l'occasione di trovarsi con amici e persone a cui tieni.

Non nego la "paura & timore" del venerdì e sabato (sopratutto la sera prima di andare a dormire) nel volerla correre. Per la prima volta la domenica mattina non mi sarei voluto alzare dal letto!
Gara: La strategia di gara è stata totalmente. Nelle poche corse fatte la scorsa settimana avevo trovato una zona comoda i 5.20/km dove il dolore non pesava più di tanto. A questo punto decido di prendere il pacer delle 3.45 e farmi un lungo in compagnia. Devo dire che l'idea è stata ottima e sino alla mezza sono stato in loro compagnia. Poi ho preso il largo da solo. Ho "forzato" il passo a 5/km sino al Km 35 e poi ho aperto una progressione controllata e non nego esagerata negli ultimi due chilometri.

Dopo due volte sul vecchio tracciato era la prima volta che correvo su questo e devo dire che merita davvero. Quasi un peccato non averlo onorato facendola a dovere,  ma sono contento. Il passaggio sul ponte della Priula è sempre suggestivo!

SplitTimemin/KmDeltamin/KmRealTime
Km 100:53:365,210:53:365,210:53:13
Km 21,0971:51:515,180:58:155,141:51:29
Km 302:36:185,120:44:274,592:35:55
Arrivo3:35:145,060:58:564,493:34:51


Con l'avvicinarsi del 42°km l'emozione saliva a dismisura. Lo scorso week-end ero fermo tra letto e divano per i dolori ed ora sono qua! Ultima curva ed ultimi sorpassi prima di vedere il tappeto rosso della passerella finale.

Sguardo basso in segno di rispetto, braccia al cielo per l'emozione, un senso di "non so spiegarmi come sia potuto succedere" e lacrime al volto perchè è successo. Taglio il traguardo e pochi passi dopo una ragazza mi mette la medaglia al collo.

Lealtà,rispetto & AMORE INCONDIZIONATO: Ecco perché mi ha lasciato lottare per Lei e farmi arrivare al suo cospetto!

Avevo appena concluso la mia Maratona numero 17 ( +3 ) e non riesco ancora a realizzare di averlo fatto! Questa Maratona mi è "costata tanto" in termini personali e non averla corsa per l'obbiettivo che mi ero prefissato mi lasciava parecchio amaro in bocca.

Ora che l'ho conclusa posso dire con tutta libertà che questo 3:34:51 vale molto di più del personale e secondo "Under The Wall" che tanto desideravo! Era parecchio tempo che non correvo una Maratona  ed in questa occasione ho capito quanto sia importante per me e quanto sia innamorato di lei! Per me la Maratona è la cura di tutti i mali ed indipendentemente da come viene vissuta la gara si cambia e si cresce.  Nel mio caso è stata inaspettatamente anche una "cura fisica" visto che non ho per niente dolori post corsa. Su questo tema faccio schifo perchè da anni dopo le gare non ho segnali di dolore muscolare.

Ed i complimenti anche al gruppeto di  sei amici tutti finisher e tutti maratoneti visto che ben 4 su 6 erano alla loro prima esperienza ^^



Ed alla fine - ma non per importanza - dedico questa Maratona ad Enrico che ha fatto un lavoro fantastico per "tirare fuori il  peggio di me " in corsa ed a chi mi ha rimesso in sesto la gamba rapidamente da permettermi di farla! GRAZIE DAVVERO!


Alla prossima :)
 

venerdì 6 febbraio 2015

Preparazione Passatore 2015 : Mese 1

0 commenti
Sembra ieri il cinque di gennaio quando ho cominciato la preparazione per il passatore sotto la guida di Enrico Vedilei  e devo dire che questo mese si sente intensamente. Non parlo tanto per i lavori specifici e/o la difficoltà e/o la fatica fatta. Parlo dei risultati che ho tirato fuori durante le prime quattro settimane. Non parlo di risultati intesi come cronometri in gara. Parlo di risultati come  risposta delle gambe e del mio organismo a certi lavori specifici.

Il "test" l'ho avuto domenica quando ho fatto un 3h di collinare sul "Colle Pasta" con soddisfazioni immense.


Dopo anni di SFR in bici da corsa oggi il Colle Pasta torna a regalare emozioni affrontando le sue 5 salite a piedi! CHE SPETTACOLO DI GIORNATA ED ALLENAMENTO! Nulla da dire su questo allenamento, perchè non ho trovato "grosse difficoltà" a parte la salita del 25°km che si è sentita nelle gambe. Fortunatamente da lì - una volta raggiunta la cima -  era tutta discesa sino alla macchina e di conseguenza pizza gigante!

Il mio primo pensiero a fine di questo allenamento? Semplicemente il seguente

... allenamento degno di nota: 3h volate nonostante la fatica! Un GRAZIE ad Enrico che in un mese mi ha portato a questo livello!

Un altro allenamento veramente bello di questo mese è stata la ciaspolata a spiazzi di Gromo con tanto di foto annesse


Link album Fotografico : 2015-01-24 Ciaspolata Spiazzi di Gromo

venerdì 16 gennaio 2015

Obiettivo 2015 - La 100km del Passatore!

0 commenti
Erano anni che sognavo questa gara. L'idea di correre da Firenze a Faenza vivendo il pomeriggio, la notte e chissà quando l'arrivo attraverso 100km di intense emozioni. Mi sentirò pronto? Ovvimanete non mi sono mai sentito all'altezza e così ho sempre rimandato.

Poi arriva Dicembre 2014 quando per diversi motivi ti trovi da un tuo amico e cominci a parlarne con lui fissando i suoi diplomi appesi al muro. Più li fissavo più il tarlo entrava nella testa.

Avevo corso la Maratona di Reggio Emilia pochi giorni prima ed ancora non l'avevo digerita / superata del tutto. Continuavo a pensare al messaggio di una mia amica ed al significato da dare a quelle parole.  Dopo una breve corse le prime idee cominciano a prendere posto ordinato nella mia mente, ma nulla di definitivo.

Scorre il tempo ed alla fine - in un tranquillo venerdì sera come tanti - ho preso il portatile e mi sono iscritto senza esistazioni.

Erano le 21.10  del 19/12/2014 quando ho ricevuto sul cellulare la mail di conferma iscrizione. Al momento l'ho detto subito a "pochi intimi" e poi col passare del tempo ho ampliato le persone a cui dirlo.

Ora lo racconto anche qua sul blog, visto che ho già condisivo parecchie avventure partendo dall'iscrizione!

Non mi preoccupa la preparazione perchè sarò seguito dal grande Enrico Vedilei UWT e per me è un vero onore averlo al mio fianco per questa avventura. Come ho scritto su Facebook ad inizio anno:
... oggi é un giorno sportivamente importante per me ... comincio una nuova esperienza per un grande obiettivo ... ops 3 obiettivi ... e so di essere in ottime mani ... Grazie!

Ed ora non resta solamente la parte più bella e divertente: correre e prepararmi al meglio perchè quel giorno e quella notte voglio solo tanto divertimento e viverla come una grossa festa!

Cosa mi preoccupa? Forse per molti è una banalità, ma per me non lo è ... la scelta di una scarpa adatta. Sono abituato a correre con scarpe abbastanza secche o minumali ed in questo caso non mi pare la circostanza adatta. Ho già ricevuto diversi consigli in merito, tutti da verificare , trovare e PROVARE prima di prendere una decisione seria a tema!

La soddisfazione è che - già in partenza della preparazione- ho delle gambe che in corsa stanno molto bene e rispondono come si deve. 

Buon week end a tutti :)

mercoledì 31 dicembre 2014

Il 2014 in sintesi

0 commenti
... l'anno che oggi si chiude è stato veramente strano e non parlo solamente dal punto di vista sportivo
... però è proprio di questo ultimo aspetto che voglio scrivere la sintesi e quindi procediamo
... sportivamente non è andata come doveva o volevo però ormai quello che è stato fatto non si può cambiare
... speriamo solamente che il tutto sia un'ottima base per il 2015 visto quello che ho in programma

... un anno strano ed in sintesi lo posso riassumere così:
  • I primi 5 mesi concentrati sulla preparazione dell'IM di Lanzarote
  • Giugno fermo per una caduta e la caviglia sotto tecar
  • Da luglio ad ottobre ho provato l'esperienza ultra trail che mi ha regalato momenti unici ed indimenticabili. Grazie ;)
  • Da ottobre in poi ha prevalso il mio vecchio amore e sono tornato su strada dedicandomi alla Maratona
... ed ora vediamo un attimo qualche numero

Swim:
  • Totale: 47 
  • Attività Distanza: 102.69 km 
  • Ora: 36:23:53 h:m:s
Bike:
  • Totale: 43 
  • Attività Distanza: 2,551.58 km 
  • Ora: 106:58:31 h:m:s 
  • Aumento di quota: 27,952 m
Run:
  • Totale: 181 
  • Attività Distanza: 2,346.10 km 
  • Ora: 301:45:43 h:m:s
  • Aumento di quota: 57,812 m
Nella "Categoria Run" sono presenti quasi 700km di Trail Running con annesso dislivello indicato che lascia anche me senza parole visto scritto a video!

Una cosa è certa ... questo 2014 non me lo ricorderò per la questione sportiva ma per altri aspetti / valori e su questo sono più che certo! 

E per chiudere l'anno vi condivido il video della gara che mi ha toccato dentro più in assoluto segnandomi profondamente


... buon anno a tutti :)

domenica 14 dicembre 2014

Maratona di Reggio Emilia 2014

0 commenti
Ecco il primo pensiero - a caldo - poco dopo il traguardo
Quello che provo per la Maratona é troppo forte per smettere di combattere e ritirarmi ed é per questo che oggi l'ho finita. Saprei cosa dire, ma non lo voglio dire. Posso solo lasciare il tempo a parecchie notti di sonno e di riflessioni prima di poterla accettare e rielaborare. Ho da pensare parecchio a tema e questa é una necessità!
Vorrei aggiunger un pensiero a quanto appena scritto e pubblicato sui social network questo pomeriggio:
Non voglio entrare nel dettaglio dei 42195 metri di corsa. Quello che mi resta di questa Maratona è successo poco dopo il traguardo. Il ragazzo al banco medaglie prova a mettermi la medaglia al collo. Io gli dico di no e mi si avvicina una ragazza. Le dico no e vado dall'amica Cinzia. Sarà lei a mettermi la medaglia al collo con un abbraccio. Grazie Cinzia, non aggiungo altro a quello che ti ho già detto ;)
e qua il percorso di gara


Buona domenica sera a tutti ... c'è NCIS!

domenica 7 dicembre 2014

Riflessioni ad una settimana da Reggio

0 commenti
... mancano sette giorni alla Maratona di Reggio Emilia
... non so cosa dire
... la preparazione non è stata delle migliori
... anzi è stata forse delle peggiori
... ci sono momenti che sento le gambe perfette ed in piena forma
... ci sono momenti come questa mattina che sento le gambe bloccate da non correre
... non capisco il fattore scatenante di questi alti e bassi
... se le gambe - come sospetto - stanno soffrendo il clima freddo/umido la prossima settimana sarà un bel problema visto l'abbassamento delle temperature previsto
... se non è così ed hanno solo bisogno di più tempo il discorso cambia
... il problema di base è che non c'è molto tempo
... alla fine mi sono portato a casa 25Km questa mattina
... ora mi prende male a sapere che dal 25 al 42 la strada è lunga
... di solito comincio a correre di testa sul finale quando le gambe cominciano a parlare
... questa volta comincerò a farlo dal via, perché se aspetto le gambe posso restare comodo a dormire a letto!
... sarei curioso di scaricare i dati dal 910xt, ma non ho la chiavetta con me -.-

giovedì 4 dicembre 2014

Nuoto: il ritorno in vasca

0 commenti
... avete letto bene!
... ieri sono tornato in vasca ed ho ripreso col nuoto!
... non nuotavo dal 17/05/2014
... semplice data da ricordare: IM LANZAROTE!

... con grande stupore - e non solo mio - non sono ancora annegato e riesco a restare a galla
... c'è da dire che il fiato non mi manca e mi ricordo ancora come funziona il tutto circa
... il dettaglio ora è recuperare tutto il fondo perso e riprendere la confidenza che avevo con l'acqua ammesso di poterla definire tale

... ieri un 1500
... oggi un 2000
... domani?
... assolutamente nulla causa altri impegni!

... cercherò di fare un bella preparazione invernale degna di nota
... ho già pianificato il 2015
... mi serve fare una gara specifica particolarmente bene per potere sognare il 2016
... parliamo di Lei
... della Regina che rimando da troppo tempo
... in molti hanno capito cosa ho in mente
... quello che vorrei è prepararla veramente bene
... non dire di averla fatta perchè semplicemente ero li.

... dopo questo pensiero libero torniamo alla giornata di oggi
... buona le sensazioni in acqua, ma so che da lavorare ho ancora tantissimo per tornare dove ero
... a piedi invece mi sento veramente bene ed ora devo solo riprendere confidenza con la distanza

Tempo intermedio
Ora
Distanza
Passo medio
Riepilogo
52:40.511.864:26
110:00.02.094:47
230:00.06.914:21
3:52.90.204:25
4:23.40.103:54
5:54.80.204:34
6:22.60.103:46
7:53.80.204:29
8:23.20.103:52
9:52.20.204:21
10:24.20.104:02
11:53.80.204:29
12:22.10.103:41
135:00.01.094:35
141:17.50.284:4

... buon week-end a tutti, ci sentiamo lunedì / martedì :)

domenica 30 novembre 2014

617 e le riflessioni da stradista

0 commenti
... 617 un numero come tanti
... un numero che mi ha tenuto compagnia per una lunga giornata
... era il 17 Maggio quando l'ho onorato durante l'IM di Lanzarote
... ancora oggi è legato al porta pettorale da quel giorno

... è qua di fianco a me sulla mia scrivania
... è qua che mi chiama
... è qua che mi fa capire diverse cose solo guardandola
... è tutto il weekend che mentre corro ci penso e ci ripenso

... ho perso parecchio da quel giorno
... forse è meglio che mi dia una mossa per tornare in forma come piace a me
... non voglio rovinarmi il mio livello di preparazione nuovamente
... so di potere chiedere molto al mio fisico sulle lunghe distanze
... so che ascolterà la mia richiesta

... adesso cominciamo con recuperare
... prima la distanza a piedi in Maratona con degli appuntamenti già messi in calendario
... poi la bici da corsa
... e nel mentre dovrei ripartire col nuoto visto che non nuoto da mesi

... mi mancava troppo l'asfalto e forse non ho mai voluto sino in fondo prendermi un periodo di pausa
... decisione sbagliata ora come ora, ma "giusta" ai tempi
... ora vediamo di ripartire come si deve!

mercoledì 19 novembre 2014

Running - Maratonina di Crema 2014

0 commenti
... mi ero iscritto a crema per fare un test del ritmo da Maratona

... un problema al ginocchio ed un problema muscolare sono giunti la domenica precedente

... in questo modo ho deciso di accettare l'invito dell'amica Isa per aiutarla a fare la pacer 1.35

... una mezza corsa in modo strano

... l'ossessione per il cronometro non era mai stata così forte in me

... questa volta l'errore non era per me

... questa volte l'errore era sugli altri

... non correvo la mezza di crema da parecchi anni  e devo dire che mi sono divertito parecchio facendo anche un allenamento degno di nota

... il percorso è scorrevole e molto piacevole nonostante la presenza dei quattro cavalcavia

... l'asfalto scorre sotto i nostri piedi e la gente che era con noi mano a mano si perde per strada

... siamo stati anche criticati per avere fatto un ritmo troppo deciso e marcato

... personalmente so che abbiamo fatto un bel lavoro e sia io che Isa abbiamo risposto alle critiche

... nulla vieta che da questa esperienza abbiamo solamente imparato tanto e che l'emozione provata è stata forte

... la critica nei nostri confronti è stata quella di esser partiti a ritmo violento e che hanno dovuto "abbandonarci" dopo 7-8km

... abbiamo entrambi risposto esponendo il nostro parere

... Isa ha detto: Siamo partiti alla media del 4'27'' da garmin perchè si sa che il garmin ruba circa 3''/km. Un po' di vantaggio serviva per i ristori, visto che alcuni han chiesto di potersi fermare a bere, e per recuperare i secondi che normalmente si perdono coi cavalcavia. A 4'20'' mi risulta che abbiamo corso solo il km dall'11 al 12, che purtroppo era segnato errato. Infatti, in seguito all'appunto ricevuto sulla velocità, abbiamo iniziato a guardare anche i minuti effettivi da km a km, basandoci sui cartelli degli organizzatori, per rassicurare chi ci seguiva sul ritmo effettivo a 4'30''/km. Farla tutta a 4'20'' avrebbe voluto dire chiudere i 1h31', invece abbiamo chiuso di pochi secondi sotto l'ora e 35'', con tanti atleti che hanno anche incrementato nel finale, a 3 km dalla fine. Purtroppo quando si è in tanti non si può fare una strategia di gara che vada bene a tutti.

... ed io ho aggiunto: Sono il ragazzo che ha affiancato la pacer 1h35m per il lepraggio e personalmente ritengo che il lavoro svolto sia stato corretto. Sapevamo benissimo - anche perché lo abbiamo vissuto già noi sulla nostra pelle - che quando si parte col pacer non sempre si chiude alla fine con lui e la "perdita" di persone è normale. Una mezza a 4.20 è totalmente diversa e non siamo arrivati con 1.31, ma pochi secondi prima delle .35 e non abbiamo camminato. Non nego che in diversi ci hanno fermato per ringraziarci del lavoro svolto e questo mi ha riempito di emozioni. E' vero, siamo arrivati con poche persone attorno, perchè buona parte del gruppo ha deciso di allungare nel rettilineo finale vista la gestione di gara fatta bene. Chi era di fianco a noi ed ha assistito a somme e conteggi assurdi "4.30 * km segnato a terra" può confermare che il vantaggio sulla tabella di marcia è stato di 20-30 secondi e non di minuti. Il Garmin è comodo come strumento, ma la rilevazione su cui facevamo testo erano i cartelli a terra.

... cosa mi ha lasciato questa mezza? la felicità dei ringraziamenti ed una medaglia al collo che ha un significato nuovo.


... alla prossima :)